Fagioli: i nostri consigli di coltivazione - 29. aprile 2021

I fagioli erano già coltivati dagli indiani dell’America del Sud, me non erano presenti in Europa prima del XVI secolo. Una volta importati, sono state selezionate rapidamente delle varietà locali, ma la loro origine tropicale fa sì che ci voglia un po’ di  attenzione e conoscenza per poter garantire un ricco raccolto.

Fagioli: i nostri consigli di coltivazione

COLTIVAZIONE

I fagioli devono essere seminati dopo l’ultima gelata (da metà maggio), con una temperatura del terreno superiore ai 15°C. Prima di seminarli, lascia a mollo i fagioli in una tisana di camomilla fredda. In questo modo saranno intrisi d’acqua e germoglieranno più rapidamente.

Non seminare i fagioli troppo in profondità: fai un solco di un centimetro di profondità in un terreno leggero, e ricopri i semi con una spolverata di terriccio.

Fagioli nani: seminali ad intervalli di 5-8 cm, in file distanti l’una dall’altra 30-40 cm e zappa regolarmente.

Fagioli rampicanti: disegna nel terreno dei cerchi del diametro di 20 cm e di profondità 1 cm, ad una distanza di 60 cm l’uno dall’altro. Posa nei solchi 6-7 semi e ricoprili con un sottile strato di terra. Pianta infine un palo robusto dell’altezza di 2 metri e mezzo al centro di ciascun cerchio.

Proteggi i tuoi semi: la mosca dei semi depone le sue uova nei germogli, gustandoli. Evita la loro distruzione comprendo i semi con una retina o un tessuto non tessuto per i primi 10 giorni.

Rendimento: delle abbondanti quantità di compost saranno apprezzate dai tuoi fagioli.

Coltivazione mista: i fagioli si coltivano bene con le barbabietole da insalata, i porri, il sedano o il ravanello lungo.

CONSIGLIO

Per un raccolto più veloce, preparati delle piantine! Ad inizio maggio, metti 1-2 semi in un vaso di 10 cm e lasciali crescere ad una temperatura di 20 °C. Piantali poi all’aperto dopo la metà di maggio.